Disturbi gastrointestinali: come affrontarli?

controllo apparato broncopolmonare
Respirare bene per vivere meglio: come tutelare l’apparato broncopolmonare
Agosto 31, 2022

Disturbi gastrointestinali: come affrontarli?

La vita frenetica, i numerosi impegni e lo stress a cui siamo sottoposti quotidianamente possono incidere negativamente sulla qualità della nostra vita, così come una cattiva alimentazione o mangiare di fretta, la sedentarietà, il consumo eccessivo di alcolici e il tabagismo.
Sono sempre di più le persone che lamentano disturbi gastrointestinali e spesso questi sono riconducibili ad alcuni dei fattori che abbiamo elencato. Fra i problemi più comuni ci sono: il reflusso gastroesofageo, la gastrite e la dispepsia.
Se si avvertono i sintomi che sono alla base di tali disturbi, è importante rivolgersi al gastroenterologo per evitare che nel tempo si trasformino in patologie croniche. Vediamo insieme quali sono i campanelli d’allarme che devono indurci a chiedere il parere dello specialista.

Reflusso gastroesofageo

Una delle patologie che riguardano il tratto gastrointestinale superiore è il reflusso gastroesofageo e i sintomi che lo caratterizzano sono:

  • bruciore allo stomaco
  • dolore toracico e palpitazioni anomale
  • tosse secca (dovuta al cibo, mescolato agli acidi gastrici, che risale lungo le pareti dell’esofago infiammandolo)
  • raucedine associata, a volte, alla tosse
  • groppo in gola
  • salivazione eccessiva
  • alitosi.

Questi disturbi possono presentarsi sia dopo i pasti sia durante la notte, quindi chi soffre di reflusso deve evitare di sdraiarsi prima di aver completato la digestione.
Il reflusso gastroesofageo è causato dal malfunzionamento del cardias, ossia la valvola che ha la funzione di impedire la risalita, durante la digestione, degli acidi gastrici dallo stomaco verso l’esofago. Tale anomalia può essere anche ereditaria.
Esistono diversi farmaci che servono a tenere a bada la risalita del contenuto gastrico acido, ma prima di tutto è fondamentale fare attenzione a cosa si mangia e come. Per prima cosa occorre masticare lentamente. È poi fondamentale avere accortezze quali: scegliere cibi freschi (non in scatola) e sani; evitare gli insaccati, le bibite gassate e gli alcolici; fare cinque pasti al giorno senza eccedere nelle quantità ecc.
Per avere diagnosi e cure adeguate è importante chiedere il parere di un gastroenterologo che, se necessario, vi prescriverà degli esami diagnostici come ad esempio la gastroscopia.

Dispepsia

I fastidi dovuti a una cattiva digestione (detta tecnicamente dispepsia), che si avvertono dopo i pasti sono: senso di gonfiore e pesantezza allo stomaco, dolore all’addome, inappetenza, sonnolenza, scarsa concentrazione e, a volte, eruttazione e alitosi. Tali disturbi non vanno sottovalutati, perché possono essere il campanello d’allarme di alcune disfunzioni. Sicuramente è consigliabile avere un’alimentazione sana, non mangiare di corsa e masticare lentamente; ansia e stress non aiutano, quindi sarebbe opportuno fare in modo di contenerli.
Dal momento che alcune cause possono essere dovute alla presenza di ulcere gastriche, all’uso di antinfiammatori, reflusso gastroesofageo ecc., consultare un gastroenterologo è la soluzione migliore.

Gastrite

La gastrite è l’infiammazione della mucosa gastrica, ossia la parete più interna dello stomaco. I sintomi più comuni sono:

  • bruciore di stomaco e crampi addominali
  • dolore al centro del petto
  • aerofagia (ossia un accumulo eccessivo di aria dentro lo stomaco)
  • inappetenza
  • nausea e vomito
  • alitosi.

L’ecografia all’addome è uno degli esami che può aiutare lo specialista a definire una diagnosi precisa.

L’insidia dell’Helicobacter pylori

Sia il reflusso grastroesofageo sia la gastrite cronica possono essere dovuti, oltre ai fattori che abbiamo elencato sopra, anche alla presenza nella mucosa dello stomaco dell’Helicobacter pylori, che causa un’infezione. Per individuare tale germe è necessario sottoporsi a un esame, l’urea breath test, e in caso di positività il medico vi prescriverà una cura che prevede l’assunzione di un antibiotico associato a un farmaco gastroprotettore.

Visite ed esami diagnostici

Presso il Poliambulatorio Venere potrete sottoporvi a una visita gastroenterologica per avere una diagnosi accurata ed eseguire gli esami diagnostici necessari.
Per info e prenotazioni potete chiamarci ai seguenti recapiti telefonici: 06 6152361371 3400723. È possibile contattarci anche mediante WhatsApp, Facebook o Messenger.